Paté d’orzo

L’ho acquistato, ne ho letti gli ingredienti e l’ho «reinventato»… a voi il mio paté d’orzo! Ottimo come antipasto estivo o servito a cubotti sopra un super letto di insalata trevisana e rucola

Redazione

L’ho acquistato, ne ho letti gli ingredienti e l’ho «reinventato»… a voi il mio paté d’orzo! Ottimo come antipasto estivo o servito a cubotti sopra un super letto di insalata trevisana e rucola.

L’orzo è ricco di ferro, calcio, fosforo e vitamine del gruppo B. Ha
una forte azione espettorante, emolliente e calmante, oltre a essere un’ottima fonte di carboidrati complessi.

Su questo sito la Fondazione Veronesi fra l’altro suggerisce questa ricetta nutriente e supermorbida a chi ha problemi di disfagia (per saperne di più e avere consigli utili leggete qua).

Buon appetito!

Ingredienti

500 g di spinaci freschi

2 cipolle

250 g di orzo perlato

3 cucchiai di farina integrale

5 foglie di salvia

zenzero fresco grattugiato

100 g di pinoli

1 cucchiaio di salsa di soia

olio extravergine di oliva

sale

pepe

Come si prepara

Lessate l’orzo perlato (i tempi di cottura variano di molto in base alla casa produttrice: regolatevi con ciò che trovate scritto sulla confezione) in acqua salata con la salsa di soia e quindi scolatelo.

Nel frattempo cuocete gli spinaci freschi con un filo d’acqua e sale. L’acqua deve solo bagnare gli spinaci: non devono esserne ricoperti. Preserveremo così vitamine e sali minerali.

Prelevateli, fateli raffreddare all’aria, strizzateli con le mani e lasciateli sgocciolare. Mondate le cipolle e tritatele. Fatele appassire in una padellina antiaderente con un filo di olio extravergine di oliva e le foglie di salvia spezzettate grossolanamente con le dita.

Pepate leggermente.

Riunite tutto nel frullatore (orzo lessato, spinaci e cipolle aromatizzate), aggiungete un paio di cucchiai d’olio e frullate. Al composto ottenuto amalgamate la farina integrale, i pinoli e lo zenzero fresco grattugiato (la quantità dipende dal vostro gradimento… potete anche non metterlo). Assaggiate e aggiustate di sale se necessario. Mettete il composto in uno stampo e infornate a 200 °C per 30 minuti.

Lasciate poi raffreddare per bene. È ottimo dopo almeno 5 ore di frigorifero.

I contenuti di queste pagine sono in parte presi dai libri “I Magnifici 20” e “Le ricette dei Magnifici 20” di Marco Bianchi, editi da Ponte alle Grazie (collana Il lettore goloso di Allan Bay)

dona-ora

Nessun commento

Lascia una risposta